Cotta All Grain in 3 giorni

Una delle cause che frenano i birrificatori casalinghi dal passaggio al metodo All Grain è il tempo. Una cotta ti porta via inevitabilmente più di mezza giornata, se si producono volumi considerevoli anche una giornata intera.

Non di rado ho letto di HomeBrewers che dividono la cotta in due tranche, cioè, dopo aver fatto l’ammostamento e il filtraggio, procedono con la bollitura il giorno successivo.

Fino ad ora, per guadagnare qualche minuto, ho sempre macinato i grani il giorno prima. A questo punto mi sono detto, se devo fare questa prova, tanto vale spalmare la cotta in 3 giorni.

Ricapitolando:

giorno 1 – macinatura e preparazione del pentolame

 

1745927788.jpg

 

giorno 2 – ammostamento e risciacquo delle trebbie

 

29-04-11_2053.jpg29-04-11_2200.jpg29-04-11_2242.jpg

giorno 3 – bollitura, raffreddamento e inoculo

 

30-04-11_0854.jpg30-04-11_1000.jpg

30-04-11_1109.jpg30-04-11_1143.jpg

Il dubbio più assilante rigurda il dover lasciare l’estratto di malto in balia di aria, batteri e lieviti selvaggi. Da non sottovalutare anche la possibilità che qualche enzima sia sopravvissuto al mash out e che durante la pausa continui a lavorare modificando la composizione degli zuccheri. Il rischio di contaminazione è sicuramente legato all’ambiente in cui si birrifica e si lascia l’estratto a riposare; una cucina o una cantina in cui ci sono altri alimenti o si fa preparazione di cibi sono probabilmente ambienti a rischio più elevato rispetto ad una soffitta vuota e disabitata. In ogni modo, una eventuale contaminazione verrebbe scongiurata dalla bollitura, tuttavia andrebbe a modificare la composizione del mosto. Anche quì è sicuramente consigliebile fare l’ammostamento in serata e la bollitura il mattino seguente per ridurre al minimo le ore in cui il mosto è vulnerabile.

Un altro aspetto che spesso viene tirato in ballo è l’ossidazione. Non avendo messo il luppolo ovviamente non avremo alterazioni degli aromi del luppolo, tuttavia l’estratto di malto potrebbe ossidarsi… c’è chi dice che l’ossidazione potrebbe aumentare la torbidità, chi dice che ci può essere lo scurimento di un mosto chiaro, chi dice che potrebbero esserci delle variazioni in termini di gusto.

La cotta l’ho fatta un paio di settimane fa e tra qualche giorno sarà ora di imbottigliare la birra, staremo a vedere i risultati.

 

Cotta All Grain in 3 giorniultima modifica: 2011-05-16T23:15:00+02:00da beerpurple
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Cotta All Grain in 3 giorni

  1. Non è una cattiva idea anche secondo me, Velleitario.
    Però…giusto il tempo di andare a dormire e rialzarsi con l’obiettivo di bollire e concludere, altrimenti credo che l’aria, in qualche modo, ci metta comunque lo zampino tramite qualche lievito selvaggio…!

  2. Sì, infatti.
    Come detto con la bollitura il mosto si sterilizza e quindi il rischio contaminazioni è scongiurato.
    Quello che vorrei capire è se lasciando l’estratto a riposo per circa 8 ore ci possono essere ossidazioni e alterazioni percettibili.
    Secondo me con la bollitura il mosto andrebbe ad impoverirsi di ossigeno.

  3. Velleitario, probabilmente qualche piccolo prodotto di lievitazioni selvagge si potrebbe formare…per l’ossigeno non ho compreso bene, ma comunque anche qui la bollitura è già di per se causa di impoverimento di ossigeno, riacquistato subito dopo in fase di riscaldamento.

    Scusa per il post doppione precedente. E se mi aggiungi alla lista non sarei che lieto. Provvedo ad aggiungerti tra i miei intanto.

  4. @bodynet
    La birra non presenta ossidazioni e non ci sono alterazioni nel gusto e nell’aspetto.
    Ho fatto assaggiare la birra anche ad alcuni addetti ai lavori (senza specificare che fosse stata brassata in 2 riprese) e nessuno ha rilevato ossidazioni.
    Sicuramente farò altre cotte con questo sistema per approfondire l’esperimento.
    Nel frattempo se ci fossero altri HB che stanno procedendo in questo senso, sarebbe interessante sentire la loro esperienza.
    Se ci provi anche tu fammi/facci sapere.

  5. ciao, ispirato dalla tua esperienza ho sperimentato la mia prima cotta BIAB in 2 step (diversi dai tuoi però).
    se ti va di dare un’occhiata al mio blog hopandco.tk mi piacerebbe ricevere un tuo parere
    ciao e complimenti per il blog!

Lascia un commento